Mobility Hackathon On Opendata - MHOO

Bari, sabato 8 novembre 2014, Mobility Hackathon On Opendata (Mhoo14)

La giornata organizzata da Planetek Italia sul tema dei dati aperti, all’interno del progetto SEMINA ( http://www.progettosemina.it/ ), presso la Mediateca regionale pugliese, è stata avviata con una sessione plenaria, durante la quale è stato descritto cosa è un opendata ( http://www.opendatabari.it/ ), quali sono i dati liberi nell’ambito del Comune di Bari e come sono stati prodotti e organizzati i dati liberalizzati sul tema della mobilità, mostrando una breve rassegna delle App sviluppate e una presentazione di Open Street Map ( http://www.openstreetmap.org/ ). 

La prima sessione si è conclusa con l’introduzione del “programma dei lavori” e la suddivisione in tre gruppi.

 

A seguire sono state avviate tre sessioni parallele: 

• APPlichiamoci: sessione tecnologica dedicata allo sviluppo di applicazioni con l’utilizzo degli opendata della mobilità di Bari

• MYobility: sessione social per un confronto attivo su mobilità e dati liberi

• OSMosi: sessione tecnica dedicata a caricare all’interno di Open Street Map gli opendata della mobilità di Bari

 

In particolar modo, l’obiettivo della sessione OSMosi, è stato quello di caricare fisicamente all’interno di Open Street Map gli opendata della mobilità liberi riguardo il Comune di Bari, per il quale si è valutata anche la procedura ottimale per mantenere aggiornato OSM via via che gli opendata vengono aggiornati. 

Nell’ambito dell’esperimento condotto sulla mobilità, ciò ha consentito di poter apprezzare i vantaggi riguardo la localizzazione delle fermate, le linee servite e gli orari di transito dei bus alle fermate, sia pianificati che in real time.

 

Pertanto, avere dati condivisi, liberi e dinamici produce un duplice scambio tra chi “eroga il servizio” e gli utenti e fruitori dello stesso, i quali consentono al sistema di autoalimentarsi, dunque di essere resiliente. Per questo motivo, essendo la condivisione di dati uno dei perni del progetto Multimedia Information for Territorial Objects (MITO), è stato sinergico partecipare a questo evento, da un lato per l’affinità delle tematiche trattate, dall’altro per alimentare la rete dei contatti del progetto stesso.